Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Politica, Omofobia

Omofobia, Mattarella: Viola la dignità umana e comprime la libertà

Il presidente della Repubblica: Senza una cultura dei diritti di ciascuno non si diventa pienamente cittadini. La considerazione del valore dell’altro, l’accettazione delle differenze, sono alla base di ogni convivenza
fonte: ilVelino/AGV NEWS
di Redazione

“L’omofobia e la transfobia violano la dignità umana, ledono il principio di eguaglianza e comprimono la libertà e gli affetti delle persone. A nessuno può sfuggire che qualunque forma di persecuzione in base all’orientamento sessuale costituisca, sempre e ovunque abbia luogo, una violazione inaccettabile dei diritti umani universali”. Lo ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione della Giornata mondiale contro l’omofobia. “Gli atti di intolleranza si esprimono in violenze verbali o derisioni, altre volte danno luogo a minacce, fino a giungere, talora, ad aggressioni fisiche – ha sottolineato il capo dello Stato -. Si tratta di manifestazioni che feriscono l’intera nostra società, che risulta indebolita nei suoi valori fondamentali di convivenza. Quando le discriminazioni hanno come bersaglio ragazzi e adolescenti vi è il rischio grave di compromettere fragili equilibri, perché gli anni della giovinezza sono quelli in cui si costruisce l’accettazione di sé, che è parte importante della futura serenità”.

“Molto giovani sono spesso anche coloro che pongono in essere condotte omofobiche – ha evidenziato Mattarella -. Così, se alle giovani vittime va prestata un’attenzione particolare, nondimeno bisogna promuovere, soprattutto nei ragazzi, una positiva educazione all’incontro con l’altro. Senza una cultura dei diritti di ciascuno non si diventa pienamente cittadini. La considerazione del valore dell’altro, l’accettazione delle differenze, sono alla base di ogni convivenza. A un vigile e proficuo rispetto deve essere improntato ciò che dà forma alla vita comune –ha concluso il presidente della Repubblica -: il linguaggio, la scuola, il discorso pubblico, le pratiche sociali, per una società pienamente solidale”.