Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Calabria

Lamezia Terme, Cda Sacal; M5S: Oliverio scavalca norme

Deputati Nesci, Parentela e Morra: presentato esposto
fonte: ilVelino/AGV NEWS
di N&C

È inqualificabile il silenzio del governatore Mario Oliverio sulle recenti nomine riguardanti l’amministrazione della società aeroportuale Sacal”. Lo affermano, in una nota, i parlamentari M5S Dalila Nesci, Paolo Parentela e Nicola Morra, insieme agli attivisti del Meet Up ‘Lamezia 5stelle’. “Lo avevamo invitato a chiarire – proseguono i parlamentari – se quelle nomine erano state precedute da un bando pubblico, come vuole un regolamento dello scorso 17 marzo, approvato proprio dalla giunta regionale della Calabria. Allergico ai controlli, Oliverio ritiene di non dover rispondere mai alle questioni sulle procedure pubbliche, come se fosse un imperatore e non il titolare di un mandato popolare a tempo determinato”. “Sulle riferite nomine abbiamo presentato – precisano i 5stelle – un esposto all’Anac, al ministero della Pubblica amministrazione, alla Corte dei Conti e alle procure di Catanzaro e Lamezia Terme, in quanto le norme obbligavano la regione Calabria alla selezione tramite avviso e al rispetto delle quote rosa, secondo legge”. “Anche stavolta – proseguono i parlamentari del M5S – l’irresponsabilità di Oliverio e i suoi cattivi consiglieri hanno causato un problema concreto e uno politico. Infatti, dopo la scandalosa gestione emersa dall’inchiesta ‘Eumenidi’, ancora Sacal non potrà essere regolarmente amministrata. Inoltre la modalità di assegnazione dell’incarico di vertice al prefetto Arturo De Felice, figura di riconosciuto prestigio, offende un uomo dello Stato, che non può accettare l’illegittima designazione”. “Questa vicenda – concludono i 5stelle – conferma la schizofrenia politica di Oliverio, che straparla di legalità, ma poi scavalca le norme, verso cui ha un’avversione evidente, cronica. Il governatore è allora pericoloso per il futuro della Calabria. Ci auguriamo che il Pd corra ai ripari e lo corregga, prima che sia troppo tardi”.