Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Politica

Scuola, mense: lunedì seminario Anci a Palermo

Scuola, mense: lunedì seminario Anci a Palermo
fonte: ilVelino/AGV NEWS
di com/chi

“Anci continua ad approfondire la riflessione sulla refezione scolastica, sull’educazione alimentare e sui servizi di supporto alla scuola. Con ospiti importanti, soprattutto con la Ministra Valeria Fedeli, discuteremo su come migliorare i servizi di supporto alla scuola e contrastare le fughe individualiste di chi, anziché pretendere servizi migliori, rinuncia al servizio collettivo e costringe i propri figli a mangiarsi il panino portato da casa”. Così la presidente della commissione Istruzione Anci, Cristina Giachi, presentando l’evento “Mensa scolastica: + sicurezza + qualità + contrasto allo spreco”, organizzato dall’Anci e in programma lunedì 15 maggio presso il Palazzo delle Aquile di Palermo. La giornata servirà a fare il punto della situazione in merito alle mense scolastiche, dove ogni giorno vengono preparati oltre un milione e mezzo di pasti. Si parlerà anche della sentenza della Corte d’Appello di Torino (n. 1049 del 21 giugno 2016) e dell’ordinanza del Tribunale di Torino (n. 22390 del 9 settembre 2016) che hanno dato il via alla nota questione del ‘panino da casa’, compromettendo, a parere dell’Anci, una delle finalità della ristorazione scolastica collettiva, che svolge una funzione educativa e formativa concorrendo ad attuare il principio di uguaglianza e contrasto alle discriminazioni. Saranno due le tavole rotonde: una focalizzata sul diritto per gli studenti alla mensa e una incentrata sulle buone pratiche messe in atto dai Comuni per ridurre gli sprechi e trasmettere la cultura del rispetto del cibo. I lavori saranno aperti dai saluti del sindaco di Palermo Leoluca Orlando, ai quali seguirà la relazione di Cristina Giachi. Sarà poi la volta degli interventi dei rappresentanti del mondo della scuola, degli enti locali, dell’associazionismo e della sanità. Conclusioni affidate alla ministra dell’Istruzione, Valeria Fedeli.