Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Campania, Politica

Amministrative, Casillo (Pd): “Pompei e Torre Annunziata test importanti per il Partito”

Il capogruppo nel parlamentino campano: "demA? Solo populismo. Noi pensiamo a discussioni concrete"
fonte: ilVelino/AGV NEWS
di Rep/red

“Realtà come Pompei e Torre Annunziata, per esempio, rappresentano senza ombra di dubbio test importanti per il Partito Democratico e per la visione di sviluppo economico e sociale che abbiamo pensato per la Campania. L’azione amministrativa che il Partito Democratico ha portato avanti in questi anni in alcune realtà, oggi chiamate a rinnovare i consigli comunali, rappresenterà di sicuro l’elemento di differenza con le altre coalizioni. Non si tratta di riconquistare, ma di portare avanti e di armonizzare una serie di interventi sui territori”. Cosi a Il Velino, capogruppo Pd in consiglio regionale della Campania, Mario Casillo. “Penso all’opera messa in campo dal partito a livello regionale per la balneazione del litorale campano – ha spiegato il democrat – , un’azione che stiamo portando avanti in sinergia con gli amministratori locali. Lo stesso vale per un nuovo sistema di trasporto pubblico integrato o il lancio del brand Campania per attrarre nuovo turismo”.  In vista delle amministrative i democrat devono confrontarsi non solo con Forza Italia ma anche con l’ascesa di De Magistris non solo nell’area metropolitana di Napoli, ma anche a Salerno: “Il Partito Democratico deve riconquistare quel dialogo e quel confronto costante e costruttivo che ha con i territori in provincia. C’è chi parla alla pancia delle persone e fa dei proclami populistici il proprio cavallo di battaglia – ha concluso con una stoccata agli arancioni Casillo – , noi invece proviamo a intavolare discussioni costruttive che mirano a risolvere i problemi, a creare i presupposti per lo sviluppo e per l’occupazione. Vogliamo essere quelli del fare, quelli che prestano attenzione ai bisogni dei cittadini, ai servizi da ottimizzare, a un welfare che sia davvero sociale e non assistenziale”.