Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Giochi e Scommesse, Giochi

Manovra, Sistema gioco Italia e Acadi: record tassazione, settore rischia collasso

Le associazioni in audizione in commissione Bilancio della Camera: se confermato aumento Preu filiera non avrebbe più la capacità economica e finanziaria per sostenere le proprie attività
fonte: ilVelino/AGV NEWS
di Redazione

Se risultasse confermato l’aumento del Prelievo erariale unico sui giochi (Preu), “la filiera non avrebbe piu’ la capacita’ economica e finanziaria per sostenere le proprie attivita’ con conseguente rischio di collasso del comparto”. E’ l’allarme lanciato dalle associazioni delle imprese e dei concessionari Sistema gioco Italia e Acadi, in audizione davanti alle commissioni Bilancio di Camera e Senato, sul Dl manovra. Il settore, secondo le due associazioni, “risulta ormai essere il piu’ tassato in assoluto sia in termini di entita’ dell’imposizione fiscale, che della ripetitivita’ con cui vengono ritoccate le aliquote”.

”L’effetto della manovra sulla filiera degli apparecchi risulta, a regime, su un arco di 12 mesi, pari a oltre 280 milioni di euro che vanno ad impattare direttamente sul conto economico di concessionari, gestori ed esercenti che, in questo modo, non saranno più in grado di garantire l’operatività delle aziende e mantenere i livelli occupazionali”,  evidenziano i rappresentanti di Sistema gioco Italia.

”La Corte dei conti – ricordano – ha evidenziato in modo chiaro nel Rapporto 2017 sul coordinamento della finanza pubblica che il settore dei giochi non è più in grado di sopportare una nuova ondata di inasprimenti impositivi o entrate una tantum”. “Il Governo – hanno detto ancora i rappresentanti di Sistema gioco Italia – ha scelto, con sorpresa, di agire contro questo parere e le stime sul gettito che ne deriverebbero mostrano” che non si è “tenuto conto della prossima riduzione del 30% delle Awp, già prevista dalla legge di Bilancio 2016, e del problema del finanziamento dell intera filiera che si manifesterà nell’immediato, nonché dell’impossibilità di” realizzare “levoluzione tecnologica del settore imposta alla filiera” dalle norme vigenti.