Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Esteri, Kazakhstan

Kazakhstan, l’Italia sarà tra i protagonisti di Expo Astana 2017

Il sottosegretario Della Vedova: Padiglione tra i più grandi dell’Esposizione, ripercorre la storia dello sviluppo energetico. Sarà importante occasione di crescita e consolidarsi per le nostre aziende
fonte: ilVelino/AGV NEWS
di Francesco Bussoletti

L’Italia sarà tra i protagonisti di Expo Astana dal 10 giugno al 10 settembre. Il nostro paese, infatti, ha uno di padiglioni più grandi dell’esposizione. Lo ha confermato il sottosegretario agli Esteri, Benedetto Della Vedova, nel suo intervento alla presentazione della partecipazione italiana all’evento, tenuta alla Farnesina. Oltre ai ministeri “parteciperanno all’Expo 15 regioni, riprendendo l’esperienza di Milano 2015 – ha spiegato -. Ci sarà anche una folta rappresentanza di associazioni e del settore privato, aziende energia e non solo, che contribuiscono allo sviluppo del nostro paese”. Per il sottosegretario la partecipazione all’Esposizione è uno “sforzo corale sia istituzionale, con ministeri e regioni, sia della società civile. Il Padiglione italiano è tra i più grandi dell’Expo e ripercorre la storia dello sviluppo energetico. Dalle invenzioni di grandi scienziati italiani – Volta, Leonardo, Fermi e Pacinotti, a cui sono intestate le quattro piazze all’interno dello spazio espositivo -, fino alle più avanzate soluzioni tecnologiche già in essere o in divenire”.

“Nell’arco dei tre mesi di Astana, l’Italia sarà presente anche con intenso programma di conferenze scientifiche, eventi promozionali e attività culturali, che culminerà con la tournée dell’Orchestra sinfonica del Teatro della Scala nella prima decade di settembre, preceduta dalla giornata nazionale dell’Italia. Intendiamo – ha sottollineato Della Vedova -, offrire un’immagine completa della filiera dell’energia del nostro paese, anche nella sua ricca declinazione regionale. Un’energia che emana in primo luogo da chi vi abita, gli italiani. E non è un caso che il regista Giovanni Piperno ha voluto intitolare la sua opera, che sarà proiettata insieme ad altri video all’interno del padiglione a 3260, gradi ‘l’energia de3gli italiani’”.

Sul versante dei costi, Della Vedova ha spiegato che lo stato ha investito, “a valere sul fondo straordinario di promozione del made in italy, 3 milioni complessivi. A cui si sommano 300 mila euro di sponsorizzazioni dalle regioni e da 11 soggetti privati, che hanno sottoscritto un contratto con Ice-Agenzia, l’ente attuatore. Sono cifre relativamente contenute – ha proseguito il sottosegretario – per la partecipazione a un Expo internazionale. È stato un investimento gestito con accortezza, che però potrà aprire e consolidare per le aziende del nostro paese importanti prospettive di crescita”. Peraltro, Della Vedova ha ricordato anche che “quest’anno ricorre il 25esimo anniversario della nascita delle relazioni bilaterali tra Italia e Kazakhstan” e che “la scelta del tema dell’Expo: energia del futuro, in qualche modo richiama e idealmente prende il testimone dell’Esposizione di Milano 2015, che sul tema del cibo spingeva molto su sostenibilità e uso delle tecnologie”.