Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Esteri, Siria

Siria, Trump ed Erdogan: Assad responsabile dell’attacco chimico a Idlib

Il presidente Usa si è congratulato con l'omologo turco per la vittoria al referendum
fonte: ilVelino/AGV NEWS/Sputnik
di Velino International

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e l’omologo della Turchia Recep Tayyip Erdogan hanno avuto una conversazione telefonica e hanno convenuto che il presidente siriano Bashar Assad deve assumersi la responsabilità per il presunto attacco chimico nella provincia siriana di Idlib. Così un comunicato della Casa Bianca. “Il presidente Donald J. Trump ha parlato oggi con il presidente Recep Tayyip Erdogan per congratularsi con lui per la sua recente vittoria al referendum e per discutere l’azione degli Stati Uniti in risposta all’uso delle armi chimiche da parte del regime siriano il 4 aprile. Il presidente Trump ha ringraziato il presidente Erdogan perché sostiene questa azione degli Stati Uniti. Le parti si sono dette d’accordo sull’importanza di ritenerne responsabile il presidente siriano Bashar al-Assad” si legge nella nota. I presidenti hanno inoltre discusso degli sforzi volti a combattere l’Isis.

US President Donald Trump and his Turkish counterpart Recep Tayyip Erdogan held a phone conversation having agreed that Syrian President Bashar Assad must bear responsibility for the alleged chemical attack in the Syrian province of Idlib, the White House said in a statement. “President Donald J. Trump spoke today with President Recep Tayyip Erdogan of Turkey to congratulate him on his recent referendum victory and to discuss the United States’ action in response to the Syrian regime’s use of chemical weapons on April 4th. President Trump thanked President Erdogan for supporting this action by the United States, and the leaders agreed on the importance of holding Syrian President Bashar al-Assad accountable,” the statement issued on Monday said. The presidents also discussed efforts aimed at combating the Islamic State (IS) group, outlawed in Russia, as well as other terrorist organizations.