Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Esteri, Medio Oriente

Egitto: 3 mesi di emergenza nazionale dopo attacchi ai copti

A dare l’annuncio è stato il presidente al Sisi. Ieri tre esplosioni in due chiese hanno causato quasi 50 morti e oltre 100 feriti
fonte: ilVelino/AGV NEWS/Sputnik
di Velino International

Il presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi ha dichiarato ieri sera lo stato di emergenza per tre mesi dopo gli attacchi terroristici nelle città di Tanta e Alessandria. “E’ dichiarato lo stato di emergenza per i prossimi tre mesi”, ha detto al Sisi in un discorso televisivo. Ha inoltre annunciato la creazione del Consiglio supremo per la lotta al terrorismo. Per la comunità cristiana copta ieri è stata una domenica di sangue. Infatti una potente esplosione si è verificata durante la messa nella chiesa a Tanta, nella provincia di Gharbia a nord del Cairo, lasciando da 50 a 70 feriti e almeno 30 persone uccise. Dopo l’attacco, due esplosioni sono state organizzate in una chiesa di Alessandria uccidendo almeno 18 persone, tra cui quattro agenti di polizia, e causando il ferimento di più di 40 persone. Il gruppo terroristico Stato Islamico (IS) ha rivendicato la responsabilità degli attacchi.

Egyptian President Abdel Fattah Sisi declared on Sunday a three-month state of emergency after deadly terror attacks in the cities of Tanta and Alexandria. “The state of emergency for coming three months is declared,” Sisi said in a televised address. He also announced creation of the Supreme Council on fighting terrorism. A powerful explosion occurred on Sunday during worship at the church in Tanta, Gharbia province north of Cairo, leaving from 50 to 70 people injured and at least 30 people killed. Following the attack, two blasts were staged at a church in Alexandria killing at least 18 people, including four police officers, and injuring more than 40 others. The Islamic State (IS) terror group, outlawed in Russia, claimed responsibility for the attacks.