Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Politica, LÂ’inaugurazione a Milano

Mattarella: ripresa economica e ripresa civile possano saldamente coincidere

Il presidente della Repubblica al Salone del Mobile: “Il sistema pubblico sappia essere di efficace sostegno al made in Italy”
fonte: ilVelino/AGV NEWS
di Redazione

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella questa mattina ha inaugurato la 56esima edizione del Salone del Mobile di Milano. Il Capo dello Stato ha visitato alcuni padiglioni allestiti alla Fiera di Milano-Rho accompagnato dai sindaci di Rho e di Milano Pietro Romano e Giuseppe Sala e da numerose autorità locali. “Vantiamo con orgoglio un settore che vede l’Italia diffondere creatività e attrarre talenti da tutto il mondo – ha ricordato nel suo discorso il Capo dello Stato – e che contribuisce alla nostra fisionomia, alla nostra identità. Senza autocompiacimenti ma con soddisfazione, credo possiamo osservare – ancora una volta – come esistano nel nostro Paese espressioni di industriosità, unite a coscienza sociale diffusa che possono far progredire il nostro senso del bene comune. La consapevolezza del nostro valore e delle energie che sappiamo mettere a sistema, espressa con misura e pacatezza – in un contesto internazionale in cui affiorano elementi di instabilità – può far sì che ripresa economica e ripresa civile possano saldamente coincidere in una stagione che rinnovi fiducia sempre maggiore”.

Quindi un richiamo alle istituzioni perché sostengano il made in Italy. “La formula vincente del made in Italy e del made by Italy, che sa mettere insieme l’esportazione di nostri prodotti e l’affermazione nel mondo di tecnologie, materie prime, approccio ai mercati, stile di vita italiani, incalza il sistema delle imprese in tutti i settori e interpella il sistema pubblico perché – ha auspicato Mattarella – sappia essere di efficace sostegno”. Guardando infine ai numeri del settore, il presidente della Repubblica ha sottolineato che “il fatturato è in crescita; per quasi il 40% dovuto alla esportazione, con picchi che hanno raggiunto il 60%. Con l’Italia che contribuisce con il 30%, da sola, al volume delle esportazioni di mobili dell’area dell’euro. E’ un risultato che, in una fase di incertezza come l’attuale, rappresenta un volano inestimabile, accompagnato da numeri significativi sul terreno dell’occupazione. Oltre 320.000 gli occupati nella filiera del legno-arredo”.