Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Agroalimentare

Testo unico della pesca, Articolo 10 (Vendita diretta)

Testo unico della pesca, Articolo 10 (Vendita diretta)
fonte: AGV NEWS/AGRICOLAE
di Agricolae

Qui di seguito Agricolae riporta in esclusiva il testo unico della pesca

Articolo 10

(Vendita diretta)

  1. 1. Gli imprenditori ittici e gli acquacoltori, singoli o associati, possono vendere direttamente al consumatore finale, i prodotti provenienti dall’esercizio della propria attività, fatte salve le disposizioni vigenti in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro, igienico-sanitaria, di etichettatura e fiscale e nel rispetto della disciplina di cui al regolamento (CE) n.1224/2009 del Consiglio, del 20 novembre 2009 e al regolamento (UE) n.404/2011 della Commissione, dell’8 aprile 2011.

  2. La disciplina del presente articolo si applica anche nel caso di vendita di prodotti ottenuti a seguito di attività di manipolazione o trasformazione dei prodotti ittici.

  3. Non possono esercitare l’attività di vendita diretta gli imprenditori ittici e dell’acquacoltura, singoli o associati, e gli amministratori di persone giuridiche che abbiano riportato, nell’espletamento delle funzioni connesse alla carica ricoperta nella società, condanne con sentenza passata in giudicato per reati in materia di igiene e sanità o di frode.

  4. Per la corretta e completa attuazione dei criteri e degli obiettivi previsti dal titolo V del regolamento (CE) n.1224/2009 all’articolo 4, comma 2, del decreto legislativo 31 marzo 1998, n.114, la lettera g) è sostituita dalla seguente:

«g) ai cacciatori, singoli o associati, che vendano al pubblico, al dettaglio, la cacciagione proveniente esclusivamente dall’esercizio della loro attività e a coloro che esercitano la vendita dei prodotti da essi direttamente e legalmente raccolti su terreni soggetti ad usi civici nell’esercizio dei diritti di erbatico, di fungatico e di diritti similari, nonché agli imprenditori ittici e dell’acquacoltura singoli o associati, che esercitano attività di vendita diretta al consumatore finale di prodotti provenienti prevalentemente dall’esercizio della propria attività».

Sono abrogati i commi 3, 4 e 5 dell’articolo 18 della legge 23 luglio 2009, n. 99.