Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Politica

Banche: Brunetta, Zanda smentisce Renzi. Su commissione inchiesta Pd gabbia matti

Banche: Brunetta, Zanda smentisce Renzi. Su commissione inchiesta Pd gabbia matti
fonte: ilVelino/AGV NEWS
di com/rog

“Una commissione di inchiesta sulle banche ‘può partire la prossima legislatura non adesso. Non in campagna elettorale. Verrebbe usata per regolare conti politici e non per cercare la verità e proteggere il risparmio’. Così il capogruppo del Pd, Luigi Zanda in un’intervista pubblicata oggi da ‘la Repubblica’. ‘Sono in corso – ha aggiunto – almeno 12 indagini giudiziarie su istituti di credito. Se vogliamo la verità, lasciamo lavorare i magistrati e non sovrapponiamo una commissione parlamentare. Sono in corso anche diverse importanti operazioni di salvataggio che vanno concluse con successo, e non penso solo a Mps’”. Lo scrive su Facebook Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati. “Peccato che lo scorso 7 marzo, in un intervento su ‘Il Sole 24 Ore’, l’ex presidente del Consiglio ed ex segretario del Pd, Matteo Renzi, sostenuto nella campagna congressuale anche da Zanda, avesse detto con tono risoluto: ‘Banche, sì alla Commissione d’inchiesta’”. Misteri del Partito democratico. Non la prendano a male i tanti amici dem, ma sempre più spesso il Pci-Pds-Ds-Pd sembra una vera e propria gabbia di matti”. 

“Aiutiamo il distratto Zanda – continua Brunetta – a ricordare le puntate precedenti. Rinfrescata di memoria numero uno. Nel dicembre del 2015 l’allora presidente del Consiglio, per l’appunto Matteo Renzi, dopo la mia proposta ufficiale (fatta in Commissione Bilancio a Montecitorio il 9 dicembre del 2015) per l’istituzione di una Commissione parlamentare d’inchiesta sul sistema bancario italiano, esternò il suo ok a questo tipo di percorso (‘sì alla Commissione d’inchiesta sulle banche, lo dico a nome del governo e del Pd: non abbiamo nessuno scheletro nell’armadio’, 13 dicembre 2015). Rinfrescata di memoria numero due. La Camera dei deputati, in data 10 gennaio 2017, ha approvato una mozione (firmata da Brunetta, Laffranco, Alberto Giorgetti, Palmizio, Occhiuto) nella parte in cui ‘impegna se stessa e i propri organi, ciascuno per le proprie competenze, a deliberare in ordine all’istituzione di una Commissione parlamentare di inchiesta sullo stato del sistema bancario italiano e sui casi di crisi verificatisi dal 10 gennaio 1999, in connessione con l’inizio dell’operatività in strumenti finanziari denominati in euro, sulla base di quanto già richiesto, attraverso specifiche proposte di inchiesta, da diverse forze politiche’. Nello specifico, la parte sopra citata è stata approvata all’unanimità (presenti 454, votanti 452, astenuti 2, favorevoli 452). La legge per l’istituzione della Commissione d’inchiesta – conclude Brunetta – giace da fine gennaio al Senato, con il Partito democratico a rallentare con ogni mezzo i lavori. Adesso le parole di Zanda ci spiegano il motivo. Renzi annuncia fuffa (come al solito), ma il Pd in realtà scappa dalla verità e dalla trasparenza. Troppi scheletri negli armadi dalle parti di Largo del Nazareno”.