Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Campania, Cronaca

Napoli, asili nido e materne chiuse: domani assemblea generale per la scuola

Maestre, ed insegnanti di sostegno in piazza per rilanciare pedagogia e didattica
fonte: ilVelino/AGV NEWS
di rep/com

“Le scuole comunali domani mattina resteranno chiuse per inefficienza. Maestre ed educatrici scenderanno in piazza per aderire all’assemblea generale indetta dalla Cisl Fp alle ore 10 nei pressi di Palazzo San Giacomo. Cartelli colorati, palloncini e fischietti per denunciare tutte le mancanze degli asili nido e della scuola primaria dell’infanzia”. così la nota di Agostino Anselmi dirigente sindacale Cisl Fp Napoli. “Domani mattina le maestre rinunceranno ad una giornata di insegnamento per lanciare un allarme – spiega Anselmi. I genitori preferiscono la scuola privata a quella comunale. Abbiamo forti preoccupazioni per il calo di bambini iscritti. Questo ci fa temere che la scuola comunale, come è strutturata oggi, non riuscirà più a garantire un’offerta formativa concorrenziale sul mercato. E se mettiamo in conto anche il personale che sta andando in pensione e che non viene sostituito allora dobbiamo lanciare un duplice allarme”. La vertenza – scrivono le sigle sindacali – serve a rilanciare e promuovere una vera riforma della scuola che ponga al centro dell’attenzione l’interesse primario dei bambini affinché la pedagogia e la didattica siano le linee guida della scuola comunale. Una proposta di riforma che la Cisl Fp ha già consegnato al Comune di Napoli”. “La Cisl Fp – continua Anselmi – vuole salvare la scuola che si sta avviando allo sfascio per le tante criticità i dirigenti non stano facendo nulla e temiamo che nemmeno il sindaco sia a conoscenza di questa situazione, infatti, domani mattina chiederemo un intervento diretto del sindaco che già si è speso per un primo piano di assunzioni (la stabilizzazione delle 370 unità)”. Secondo l’analisi effettuata dal sindacato mancano maestre ed educatrici, maestre di sostegno e supplenti, bidelli, operatori socio assistenziali e risorse economiche. “Bisogna evitare che ogni singola municipalità sia scollegata da una direzione unica – spiegano Doriana Buonavita commissario della Cisl Fp Napoli e il dirigente sindacale Lorenzo Medici – la scuola comunale deve essere incentrata sulla didattica e pedagogia”.