Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Politica

Carceri, M5S: due suicidi che potevano essere evitati

Carceri, M5S: due suicidi che potevano essere evitati
fonte: ilVelino/AGV NEWS
di com/rog

“Non si possono trattare le persone con difficoltà psicologiche come se fossero criminali. I due suicidi che hanno segnato gli ultimi giorni nelle carceri italiane lanciano un grave allarme che non può rimanere inascoltato. A Regina Coeli Valerio G., un ragazzo di soli 22 anni, ristretto prima presso la Rems di Frosinone (residenza per l’esecuzione delle misure di sicurezza, strutture che hanno preso il posto degli Ospedali psichiatrici giudiziari) si è tolto la vita impiccandosi. Era stato arrestato per resistenza e lesioni. Nel carcere di Dozza, a Bologna un uomo di 43 anni, con problemi di tossicodipendenza si è lo stesso impiccato. Non è il tempo delle polemiche, ma comprendere dove sono stati commessi degli errori”. I deputati M5S della commissione Giustizia sottolineano come: “Il giovane Valerio era in cura e doveva essere curato, non messo in un carcere normale. Non si può permettere che vinca l’assioma che il disagio psichico sia equiparato all’essere un criminale. Qui risiede il dolore per queste due morti. Una società giusta non getta in galera chi ha bisogno di aiuto, chi ha necessità di essere seguito perché non diventi un pericolo per se stesso e per gli altri, infatti esistono strutture atte a questo compito. Se equipariamo la malattia all’essere criminali si aprono terribili scenari che riconducono ad anni bui e lontani. Chiederemo che ci siano approfondimenti in merito”.