Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Politica

Migranti, Malan (Fi): continua invasione, in gioco sicurezza e civiltà

Migranti, Malan (Fi): continua invasione, in gioco sicurezza e civiltà
fonte: ilVelino/AGV NEWS
di red/ped

“Anche oggi vengono travolti i record del 2016, quando ogni giorno arrivavano mediamente 490 migranti. Solo a Palermo sbarcano in 993, a Reggio Calabria in 324. Nello stesso giorno i bambini italiani nati sono poco più di mille, 1030 alla media del 2016”. Lo afferma in una nota Lucio Malan (Forza Italia), che prosegue: “Anche senza contare i 1700 italiani che muoiono ogni giorno, la sostituzione etnica sta accelerando: già nel 2016 ogni giorno il divario tra italiani e stranieri scendeva di 1500 unità al giorno. Solo oggi siamo ben sopra i 2000. Quest’anno stiamo andando decisamente peggio. Aumentano gli sbarchi, continuano a scendere le nascite. Dovremmo dare un’occhiata a ciò che accade in Olanda, da secoli sinonimo di accoglienza, libertà e accoglienza, come hanno sperimentato diversi miei antenati perseguitati (poi tornati alle loro valli), dove l’86 per cento della popolazione ritiene che il continuo arrivo di immigrati (assai meno che in Italia) sia una minaccia proprio per quegli aspetti della loro civiltà, perché molti nuovi arrivati vengono da paesi dove quei valori sono sconosciuti o direttamente osteggiati. Sembra difficile che gli olandesi siano improvvisamente diventati razzisti. Dovremmo allora trarre insegnamento dalla loro esperienza. Invece il Pd sembra ansioso di accelerare ulteriormente l’invasione con ogni sorta di decisioni e leggi che incentivano e agevolano nuovi arrivi, dal servizio taxi fatto dalla nostra marina dalla Libia allo ius soli. Gli accordi con la Libia, a differenza di quelli fatti a suo tempo da Berlusconi, non funzionano per nulla. È giunta l’ora di guardare in faccia la realtà e prendere decisioni responsabili: il buonismo insensato e l’ansia di importare manodopera a basso costo rischia di mettere in pericolo la libertà dei nostri figli”, conclude Malan.