Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Politica, Politica

Ex Pd lanciano ‘Democratici e progressisti’, nuovo movimento con ex Si

Il simbolo della formazione sarà l'articolo 1 della Costituzione
fonte: ilVelino/AGV NEWS
di Concetta Chiarella

Si chiama ‘Democratici e progressisti’ il movimento formato dagli ex esponenti del Pd insieme agli ex di Sinistra italiana. La nuova formazione, che ha come simbolo l’articolo 1 della Costituzione, è stata presentata stamattina alla Città dell’altra economia, a Roma, da Roberto Speranza, Enrico Rossi, Arturo Scotto e Massimiliano Smeriglio. Non erano presenti invece Pier Luigi Bersani e Massimo D’Alema. L’articolo 1 della Costituzione “e’ il nostro simbolo, la nostra ragione – ha detto Speranza -. Queste parole straordinarie sono ancora una incompiuta. Il nostro primo punto nell’agenda di governo è dare una risposta a questo dramma sociale. Vogliamo costruire un nuovo centrosinistra aperto e libero dalla ricerca spasmodica di un leader che accentri tutto su di se. Abbiamo vissuto fratture che non sono tra gruppi dirigenti, ma tra un movimento e il popolo”.

”Ho lasciato il Pd – ha ribadito il governatore della Toscana Rossi – perchè si è snaturato e ha fatto politiche che hanno avuto poco a che fare con il centrosinistra. Siamo qui perchè abbiamo un avversario, che è la destra, che è il populismo. Saremo maggioranza se sapremo fare le nostre politiche. Quanto prendiamo alle urne? Non siamo ancora nati, dateci tempo e ve ne faremo vedere delle belle”. Per l’ex capogruppo di Sinistra italiana alla Camera Scotto “è finito il tempo dei rimpianti”. “E’ il momento di rimetterci in cammino per ricostruire la speranza, e lo faremo a testa alta – ha sottolineato -. Un nuovo inizio è l’uguaglianza che è la bussola della nostra identità”. Dopo la presentazione del nuovo movimento, la prossima tappa sarà la prossima settimana la nascita dei gruppi parlamentari, che avranno l’acronimo Dep. In tutto i parlamentari dei Democratici e progressisti dovrebbero essere 50.