Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Politica

Migranti, Calderoli: Papa chiede di integrarli? Tra poco saremo noi a chiederlo loro

Migranti, Calderoli: Papa chiede di integrarli? Tra poco saremo noi a chiederlo loro
fonte: ilVelino/AGV NEWS
di com/gat

“Il Viminale ci comunica che in poco più di un mese sono sbarcati 9456 immigrati, addirittura il 43% in più rispetto ad un anno fa. Questo significa che rischiamo di farci invadere da oltre 200mila immigrati in questo 2017 e intanto Papa Francesco sostiene che dobbiamo integrarli tutti e ci indica come modello di accoglienza la Svezia, che a ogni immigrato ha dato lavoro… No, caro Santo Padre, intanto l’Italia, a differenza della Svezia, ha una disoccupazione generale oltre l’11% e una disoccupazione giovanile oltre il 40%, per cui il lavoro prima di tutto lo dobbiamo dare ai nostri, e poi se andiamo avanti così, ad essere invasi con questo ritmo, con questi numeri, presto saremo noi a dover essere integrati da loro. Tutti questi immigrati entrano nel nostro territorio violando le nostre leggi, eppure noi li accogliamo e li manteniamo, anche se poi molti di loro si ribellano o delinquono, come la cronaca quotidiana ci racconta sempre più spesso, e noi dovremmo pure sforzarci di integrarli? Il Papa ha la missione di occuparsi dei poveri e degli ultimi ma ricordo che di poveri e di ultimi ne abbiamo tanti, purtroppo, anche a casa nostra, tra i nostri anziani, i nostri malati, tra chi non ha un lavoro o chi non ha una casa, e sia io come politico che lui come nostro Padre spirituale dobbiamo farci carico prima di tutto di loro, dei nostri poveri. Poi se la Svezia è così accogliente siamo pronti a spedirglieli immediatamente tutti, i 181mila sbarcati nel 2016 e i 9456 del 2017. Ma intanto a tutti questi Paesi, alla Svezia e a tutti gli altri, chiediamo di impiegare le loro navi, insieme alle nostre, per bloccare la rotta del Mediterraneo immediatamente, prima che l’Italia diventi la nuova Calais…”. Lo afferma Roberto Calderoli, vicepresidente del Senato e responsabile organizzazione e territorio della Lega Nord.