Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Politica

Giudice di Pace, Anitori (Ap): firma protocollo d’Intesa è vittoria cittadini X Municipio

Giudice di Pace, Anitori (Ap): firma protocollo d'Intesa è vittoria cittadini X Municipio
fonte: ilVelino/AGV NEWS
di red/asp

“Con la firma oggi del protocollo d’intesa tra Regione Lazio e Comune di Roma, che prevede lo stanziamento di 13 milioni di euro per il restauro del complesso scolastico ex Gil di Corso Duca di Genova, si compie un passo importante e decisivo per il rilancio e la riqualificazione di Ostia. Abbiamo atteso a lungo ma finalmente grazie ai fondi messi a disposizione dal governo, attraverso la partecipazione al Bando Periferie per la riqualificazione urbana e la sicurezza, il X Municipio avrà i suoi Uffici del Giudice di Pace”. Lo dichiara la senatrice di Area popolare Ncd-Centristi per l’Italia, Fabiola Anitori. “E’ una battaglia che ho portato avanti con determinazione fin dal 2013, di cui ringrazio il prefetto Vulpiani per l’importante e proficua collaborazione istituzionale. Una battaglia anche contro i silenzi di Comune e di Regione e delle rispettive amministrazioni che, per quasi un anno, non hanno mai risposto alle sollecitazioni che giungevano dal ministero della Giustizia in merito alla disponibilità di siti demaniali sul territorio di Ostia”.

“Infatti già nel 2015 – prosegue Anitori – organizzai i sopralluoghi con il prefetto Vulpiani, i tecnici del ministero di Grazia e Giustizia, un rappresentante dell’allora Commissario prefettizio di Roma Capitale e i responsabili del Genio civile nei locali dell’ex Gil. La firma di oggi, oltre ad evitare che l’ex Gil diventi sede di un ostello per la Gioventù, come era nei progetti della Regione, consente non solo di stabilire la sede degli Uffici del Giudice di Pace, ma anche di realizzare la nuova caserma dei vigili del X Gruppo Mare con evidenti risparmi di costi per l’amministrazione. Si creano così le condizioni per un importante presidio di legalità in un territorio già fortemente penalizzato dalla cattiva politica e dal malaffare. Un simbolo di rinascita e speranza”, conclude la nota.