Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Cronaca

Out Of Shadow (Fuori dall’ombra): la campagna Mondiale sull’epilessia

Anteprima nazionale docufilm, illuminazione monumenti tra le iniziative
fonte: ilVelino/AGV NEWS
di com/onp

Sono ancora molti i pregiudizi e false convinzioni sull’epilessia e non c’è bisogno di andare molto lontano nella storia: basta leggere la cronaca quotidiana o citare un eclatante fatto di attualità, come il caso di Stefano Cucchi, in cui l’epilessia è stata strumentalizzata e citata fuori contesto, a danno dei pazienti e dei loro caregivers. In occasione della Giornata Mondiale dell’epilessia, che si celebra il 13 febbraio in tutto il mondo, la Lega Italiana contro l’Epilessia (LICE) attraverso la sua Fondazione (www.lice.it e www.fondazionelice.it) organizza una serie di attività proprio per aumentare la consapevolezza e sensibilizzare su questa patologia l’opinione pubblica, i media e i pazienti stessi.

Il Docufilm “Dissonanze” – Fondazione LICE ha presentato il docufilm “Dissonanze”, un documentario sul vivere con l’epilessia in cui si racconta la storia di due persone affette da epilessia, proiettato in anteprima a livello nazionale l’8 febbraio alla Casa del Cinema di Roma. L’evento è stato un momento importante di condivisione e di confronto sulla patologia che ha vsito la straordinaria partecipazione di Francesca Reggiani e Massimiliano Pazzaglia, i protagonisti del docufilm Lucrezia Codella e Francesco Sarnari, medici, pazienti e giornalisti Successivamente il documentario verrà proiettato in molte città italiane, grazie alla collaborazione delle sezioni regionali LICE e delle associazioni dei pazienti. Sarà questa l’occasione per aprire un dibattito tra i medici ed i pazienti, che servirà per stimolare la discussione ed aumentare quindi l’informazione sull’epilessia.

Premio Giornalistico – Stimolare una divulgazione il più possibile competente, rigorosa e chiara sulle epilessie: è questo l’obiettivo del Premio Giornalistico indetto dalla Lega Italiana contro l’Epilessia (LICE) attraverso la sua Fondazione (www.lice.it e www.fondazionelice.it), patrocinato dall’Ordine dei Giornalisti, dall’Unione Giornalisti Italiani Scientifici e dall’Università La Sapienza di Roma. Ad aggiudicarsi il primo premio Lilia Gentili con l’articolo dal titolo “Io, mamma con l’epilessia” pubblicato sul periodico “Più Sani e più Belli” in cui si racconta la storia di una donna, mamma e scrittrice che ha saputo brillantemente gestire la sua vita con l’epilessia. Per la sezione under 35 ha vinto Sara Moraca, con “A Scuola di epilessia” un articolo pubblicato sulla testata online Pagina99. La cerimonia di premiazione è avvenuta alla Casa del Cinema, contestualmente alla presentazione del docufilm l’8 febbraio a Roma.

La Campagna Mondiale – Illuminazione monumenti – In tutta Italia molti monumenti storici saranno illuminati di viola, colore simbolo dell’epilessia, sulla scia di Out of Shadow (Fuori dall’ombra), il claim della Campagna Mondiale a favore della malattia che ogni anno vede numerosi protagonisti impegnati per la sensibilizzazione sociale e la raccolta fondi per la ricerca. Lanciata dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Salute), da ILAE e IBE, le principali associazioni internazionali che si occupano di epilessia, in Italia è promossa dalla Lega Italiana contro l’Epilessia (LICE), la società scientifica di riferimento degli epilettologi italiani, associata all’ILAE (International League against Epilepsy). La mappa d’Italia completa e aggiornata in tempo reale è visionabile sul sito www.fondazionelice.it.

L’Epilessia – L’Epilessia si manifesta in forme molteplici ed è una delle malattie neurologiche croniche più diffuse, con circa 500 mila persone affette in Italia e 30-50 mila nuovi casi l’anno. Si tratta quindi di una malattia sociale che il WHO ha indicato nel febbraio 2016 come una priorità in campo di ricerca ed assistenziale. Chi soffre di Epilessia inoltre, a parte le problematiche di ordine diagnostico e terapeutico (il 30% delle forme è intrattabile) è soggetto a comportamenti stigmatizzanti a livello sociale ed a limitazioni in vari ambiti (scuola, lavoro, guida, sport, etc).