Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Politica

Testamento biologico, Binetti: burrasca in commissione su tempi e contenuti ddl

Testamento biologico, Binetti: burrasca in commissione su tempi e contenuti ddl
fonte: ilVelino/AGV NEWS
di com/chi

“Non si può discutere di fine vita, mettendo limiti alla discussione in termini di tempo complessivo, di profondità degli interventi e di oggettiva possibilità di migliorare un testo problematico ed ambiguo. Eppure questo è stato il contenuto specifico della riunione di oggi, in cui si sono schierati da una parte il Pd della Lenzi e il M5S e dall’altra tutta la variegata area centrista in cui confluisce la posizione più critica rispetto alla legge. Il contenzioso di oggi era concentrato nella data in cui la legge dovrebbe arrivare in Aula, il prossimo 20 febbraio, nonostante non si sia esaurita l’analisi degli emendamenti, già abbondantemente ridotti dal presidente”. Lo afferma l’onorevole Paola Binetti, UDC

”C’è una ostinazione sorprendente nella maggioranza Pd  – prosegue Binetti – nel difendere un ddl che limita il ruolo del medico, fino ad esporlo a decisioni che potrebbero essere in contrasto con la sua competenza e la sua coscienza. Ma è ancor più difficile da capire l’ipotesi di una sospensione della nutrizione e idratazione in qualsiasi circostanza, senza precisare le condizioni in cui potrebbe essere ammessa. Qualora si dimostrasse che siamo davanti a un vero e proprio accanimento che non ha più nulla di terapeutico. Oggi in Commissione però davanti a tanta chiusura di contenuti, di strategie e di tempistica il gruppo dei centristi ha minacciato di abbandonare i lavori della commissione e di rifiutare un approccio strumentale, volto solo a confermare il punto di vista della maggioranza, senza mediazioni e senza apertura a visioni diverse, pur ampiamente rappresentate nel paese. Valuteremo domani come si svolgeranno i lavori,, prima di dare attuazione concreta ad una decisione in cui si riflette tutto il nostro disagio e l’amarezza davanti ad un muro di gomma che ha ben poco di ragionevole.”