Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Campania, Politica

Campania, Enza Amato (PD): “Soddisfazione per nascita parco giochi “dedicato alla prima infanzia, nell’ex Nato”

"recupero dell'area dismessa che viene restituita alla città”
fonte: ilVelino/AGV NEWS
di rep/com

“Soddisfazione per la nascita del parco giochi “Primo Sport 0246”, dedicato alla prima infanzia, che sorgerà nella ex cittadella della base Nato di Bagnoli. Napoli si doterà del quarto parco a tema per l’infanzia in Italia. Nei mesi scorsi abbiamo lavorato alacremente e in sinergia con l’assessore regionale alle Politiche sociali, Lucia Fortini, la fondazione Banco Napoli per il diritto all’infanzia e la fondazione “Primo Sport 0246” perché questo importante progetto fosse realizzato a Napoli”. Lo dichiara in una nota Enza Amato, consigliera regionale del Pd. “La firma della convenzione tra Fondazione Banco di Napoli per l’assistenza all’infanzia, proprietaria dell’area, e l’Associazione no-profit “Laboratorio 0246” avvenuta stamattina – continua la Amato – è un evento straordinariamente importante dal punto di vista sociale per Bagnoli e Fuorigrotta, ma anche per l’intera area metropolitana di Napoli anche perché riafferma la centralità dei diritti dei bambini, tra i quali l’apprendimento ludico. Si tratta di un progetto inclusivo che coinvolgerà anche i bambini con disabilità. La giunta De Luca ha da subito accolto con favore lo spirito dell’iniziativa – aggiunge la consigliera – sostenendola anche con un apposito finanziamento che servirà alle necessarie opere di riqualificazione dell’ex eliporto dove sorgerà il parco. La presenza di una testimone d’eccezione come la pluricampionessa Valentina Vezzali, inoltre, esalta valore dell’iniziativa. Il progetto prevede attività di manualità, mobilità, equilibrio e gioco simbolico, con il coinvolgimento di circa 3000 bambini all’anno fino ai 6 anni di età con l’obiettivo di educarli allo sport, alla sana alimentazione e alla cura dell’ambiente. Nel contempo – conclude la Amato – è un altro passo avanti verso il lento, ma costante recupero dell’area dismessa della ex Nato di Bagnoli, che viene così restituita alla città”.