Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Campania, Politica

Bagnoli, De Vincenti: “Molti punti in comune tra progetto del governo e quello del comune”

"Riduzione drastica della cubatura residenziale e maggiore ruolo delle aree verdi rispetto al piano urbanistico del 2005"
fonte: ilVelino/AGV NEWS
di rep/red

Tanti i punti in comune tra il piano del governo sull’area dell’ex Italsider e quello presentato oggi dal comune di Napoli. A sottolinearlo lo stesso Ministro per la Coesione territoriale e Mezzogiorno, Claudio De Vincenti che oggi ha fatto un punto su Bagnoli riunendo intono a un tavolo il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, la Regione Campania, il commissario Nastasi e Invitalia. “Condivisione sul lavoro svolto dal governo – ha ricordato  –  è stato espresso dalla Regione, così come già avvenuto durante la precedente riunione in ‘cabina di regia’. Per quanto riguarda il progetto presentato dal comune, ci sono punti che saranno oggetto di ulteriore confronto ma molti già combaciano, a cominciare dalla bonifica integrale, dalla visione sul futuro Bagnoli, della riqualificazione dell’area, dallo sviluppo di attività turistiche e culturali e di servizi che rilancino il sito. Saranno naturalmente necessari alcuni approfondimenti tecnici con il soggetto attuatore per il confronto tra questi due programmi, così da portare le proposte del comune nella ‘cabina di regia’”. “Vicine alle nostre, per esempio, sono le idee sulla linea di costa e sul water front, eul fatto che Città della scienza debba arretrare, così da dare ampia disponibilità alla spiaggia e venga rispettata la distanza adeguata della linea di costa. Altri temi di facile integrazione – ha sottolineato De Vincenti – riguardano anche il Porto turistico a Nisida, e l’estensione dell’area verde. Per noi sono quasi 200mila ettari e differiscono di pochissimo con la proposta del comune. Inoltre, come deciso nella stessa Cabina di regia, è prevista una riduzione drastica della cubatura residenziale e il progetto che ci ha presentato oggi il comune va in questa direzione. Dunque avremo un maggiore ruolo delle aree verdi rispetto al piano urbanistico del 2005”.