Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Politica

Call center, Laforgia (Pd): subito clausola sociale ambrosiana

Call center, Laforgia (Pd): subito clausola sociale ambrosiana
fonte: ilVelino/AGV NEWS
di com/mal

“Bisogna riaccendere i riflettori sulla vicenda di Almaviva. Il licenziamento di 1666 lavoratori non può lasciare indifferente né la politica, né l’opinione pubblica”. E’ quanto dichiara il deputato del Pd Francesco Laforgia a margine di un convegno tenutosi a Milano primo firmatario di una proposta di legge sulle modifiche in materia di sostegno dell’occupazione nelle attività svolte da call center”. “Bisogna intervenire urgentemente – continua Laforgia- sbloccando alcune proposte che sono state depositate in Parlamento da tempo e che riguardano temi importanti, non solo per il settore dei Call Center, come i cambi di appalto, le cessioni di rami d’azienda e le gare al massimo ribasso che abbiamo già provato a riproporre in legge di stabilità, oltre che sui limiti alla decontribuzione per le aziende nelle quali il personale ha un’incidenza maggiore del 50% sul totale dei costi. Cio’ è importante perché mette mano ad un meccanismo distorsivo della concorrenza. Va riaperto un dibattito sulla politica industriale in questo Paese e anche sull’etica della responsabilità delle aziende che prendono i soldi pubblici, beneficiano di interventi che riguardano la defiscalizzazione e poi abbandonano i lavoratori per de localizzare all’estero. Questo automatismo va impedito con delle regole più stringenti. In attesa che il quadro normativo cambi, Milano, ritengo possa fare da apripista proponendo una “clausola sociale ambrosiana” cosicché quando l’azienda che gestisce il servizio, per qualsiasi motivo, dovesse andar via- conclude il deputato Pd- l’amministrazione pubblica si farà carico di garantire che la commissione venga gestita ed effettuata dai lavoratori che sono usciti dalla vecchia azienda e credo che questa proposta possa trovare l’accoglimento sia dell’amministrazione Sala che dei sindacati ”.