Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Lazio/RomaCapitale

Terremoto, Tarzia (Ls): Zingaretti non consenta più ritardi

Terremoto, Tarzia (Ls): Zingaretti non consenta più ritardi
fonte: ilVelino/AGV NEWS
di com/cos

“Oggi in aula ho interrogato la Giunta regionale per conoscere, anche alla luce degli ultimi drammatici accadimenti, quali provvedimenti la Regione Lazio intende mettere in atto per garantire un aiuto immediato alle famiglie e agli allevatori delle zone terremotate. Queste persone hanno bisogno di azioni pragmatiche e tempestive e non di provvedimenti spot che vengono adottati solo quando ormai la situazione è irrimediabilmente compromessa”. Lo ha affermato Olimpia Tarzia, presidente del Gruppo Lista Storace in Consiglio regionale del Lazio. “In alcune frazioni, come denunciato da alcuni Comitati, la situazione è addirittura la stessa del 24 agosto: non c’è comunicazione e il freddo ha bloccato ogni iniziativa per risollevare l’economia locale. Il problema non sta tanto nelle modalità, ma nella tempistica degli interventi messi in atto dal presidente Zingaretti. Non sarà certo una determinazione di Giunta stilata con colpevole ritardo solo il 7 gennaio a risollevare le sorti degli allevatori che, ad oggi, sono costretti ad accudire il bestiame in condizioni proibitive per poter proseguire la propria attività economica. Le violente scosse di ieri hanno complicato ancor di più la situazione: le ultime notizie parlano di ulteriori crolli, di famiglie isolate e di ingenti danni a stalle e ricoveri.

Anche alla luce degli ultimi accadimenti – ha continuato Tarzia – mi domando quali provvedimenti la Regione Lazio sta mettendo in atto per garantire un aiuto immediato a queste famiglie e agli allevatori delle zone terremotate. Il presidente Zingaretti renda partecipe il consiglio regionale delle azioni che intende intraprendere, perché non è tempo, da parte di nessuno di noi, di schermaglie politiche. La giunta, da parte sua, si prenda anche la responsabilità di sburocratizzare immediatamente il percorso degli aiuti e dare ai territori martoriati le risposte attese da troppo tempo”.