Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Politica

Ambiente, Puppato (Pd): da Galletti rassicurazioni su piano nazionale per la qualità dell’aria

Ambiente, Puppato (Pd): da Galletti rassicurazioni su piano nazionale per la qualità dell'aria
fonte: ilVelino/AGV NEWS
di red/asp

“In Italia manca ancora un piano nazionale per la qualità dell’aria che preveda misure e finanziamenti specifici per rispondere ad almeno due esigenze impellenti. La prima è quella di dare una risposta concreta alla quantità di decessi determinati dalle cattive condizioni dell’aria che si respira nel nostro Paese. La seconda esigenza è quella di armonizzare i diversi atteggiamenti tenuti dalle regioni italiane sul tema emissioni. Di fronte alla loro pur buona volontà di procedere autonomamente (ricordo tra tutte l’Emilia Romagna tra le poche ad avere un piano specifico e ben 35 milioni di euro l’anno a favore di questo obiettivo) esse si sono orientate su politiche poco mirate e molto generiche”. Lo afferma la senatrice del Pd Laura Puppata intervenendo nell’Aula del Senato, durante il question time col ministro Galletti. “Lo sviluppo sostenibile al quale tendiamo e la riduzione sostanziale delle emissioni previste dagli accordi internazionali ed europei in corso – continua – prevedono che lo Stato si faccia carico di fissare a livello nazionale dei parametri. Fino ad oggi abbiamo messo in campo iniziative molto positive: dagli ecobonus, al decreto biomasse e biocarburanti, al tema mobilità che si inizia ad affrontare con l’obiettivo di far crescere quella pubblica e su ferro. Oggi è il momento di concentrarci sul tema emissioni e la risposta del ministro Galletti in merito è stata rassicurante. Sappiamo che il piano nazionale per la qualità dell’aria non è un obbligo e per questo non è stato mai fatto. Ma il ministro ha affermato – conclude Puppato – che in accordo con le Regioni e alla luce del fatto che il 16 gennaio è entrata in vigore la rete nazionale di protezione ambientale, sia possibile intervenire per monitorare i risultati e ‘fare sistema’ tra i diversi territori”.