Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Cronaca

Venezia, tenta il furto in un negozio di via Piave a Mestre

Sorpreso dalla polizia, viene arrestato
fonte: ilVelino/AGV NEWS
di com/onp

Nella notte appena trascorsa, le Volanti della Questura di Venezia hanno arrestato per furto aggravato in un negozio tale G.H., cittadino tunisino di 37 anni. Alle ore 02:30 circa, la Sala Operativa della Questura riceveva la chiamata di una residente, la quale riferiva che alcuni rumori l’avevano svegliata e, affacciatasi alla finestra, notava la condotta di un soggetto straniero che stava tentando di forzare la saracinesca d’ingresso del negozio di alimentari all’insegna “NICCHINICCHI Food”, a conduzione di un cittadino cinese. La Volante interveniva nell’immediatezza e riusciva a intercettare il soggetto, il quale, verosimilmente allertato da un secondo soggetto che fungeva da “palo” e che riusciva a dileguarsi in altra direzione, a bordo di una bicicletta tentava di guadagnarsi la fuga, ma veniva raggiunto e bloccato in via Carducci. Lungo il percorso è stato notato dal personale operante mentre si liberava di parte della refurtiva, in particolare di 15 bottiglie di birra, nonché di uno strumento da scasso, ovvero un tondino di ferro, successivamente recuperato e sequestrato. La perquisizione personale consentiva di rinvenire, e sequestrare a loro volta, un piccolo piede di porco e un martelletto frangivetro, entrambi utilizzati per penetrare nel negozio suddetto. Il sopralluogo del negozio ha permesso di verificare che lo straniero aveva tentato di asportare un personal computer, verosimilmente abbandonato dal reo all’esterno dell’esercizio nel momento in cui è stato avvisato o si è accorto che stava sopraggiungendo la Polizia. In tasca, tra l’altro sono state trovate alcune monete che il titolare del negozio, a cui sono state restituite, ha riconosciute come proprie. La procedura di identificazione ha consentito di appurare che il cittadino tunisino ha presentato agli operanti delle false generalità, e che il medesimo, già gravato da numerosi precedenti, risultava inottemperante all’ordine del Questore di lasciare il territorio nazionale. Informato il magistrato di turno che ha disposto la custodia dello stesso per la convalida della misura precautelare, lo straniero è stato tratto in arresto e in tarda mattinata sarà processato per direttissima. L’episodio evidenzia una volta ancora l’importanza della collaborazione tra cittadino e Forze di Polizia, in quanto le segnalazioni tempestive del primo consentono l’attivazione di competenza per la risposta in chiave di ripristino della sicurezza aggredita dal reo.