Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Calabria

‘Ndrangheta, operazione ‘Fata Morgana’: imprenditore torna libero

Cassazione annulla arresto in carcere per Tortorella
fonte: ilVelino/AGV NEWS
di N&C

Torna all’attenzione del Tribunale della Liberta’ la posizione dell’imprenditore Gaetano Tortorella, dal maggio scorso ai domiciliari perche’ accusato di turbativa d’asta, aggravata dall’aver favorito la ‘ndrangheta nell’ambito del procedimento ‘Fata Morgana’. Accogliendo le tesi del suo difensore, l’avvocato Carmelo Chirico, per lui la prima sezione della Corte di Cassazione, presieduta da Arturo Cortese, ha annullato l’ordinanza di custodia cautelare, rinviando la discussione su esigenze cautelari e gravi indizi di colpevolezza di fronte al Tribunale della Liberta’. Una decisione che in nulla intacca il corpo centrale dell’inchiesta, oggi tracimata nel maxiprocedimento ‘Gotha’, che ha svelato il ruolo dell’ex parlamentare Paolo Romeo nella gestione degli affari e degli appalti a Reggio Calabria. Gia’ nella relazione introduttiva – fa sapere chi ha assistito alla discussione – il giudice relatore Esposito avrebbe tratteggiato chiaramente le posizioni degli indagati, distinguendo nettamente quella dell’imprenditore, per il quale adesso si attende la fissazione di un nuovo Tdl. Insieme alla sua posizione, verrà riesaminata anche quella del suo socio, Angelo Frascati, accusato di associazione mafiosa, oltre che di turbativa d’asta. Anche per lui, i legali hanno strappato un annullamento con rinvio dalla medesima sezione della Corte di Cassazione. Secondo quanto emerso dalle indagini, Paolo Romeo, tramite Antonio Marra, si sarebbe messo in contatto l’imprenditore Angelo Frascati e il suo socio Gaetano Tortorella, stringendo un patto che prevedeva la rinuncia da parte di questi ultimi ai diritti di prelazione sugli spazi commerciali della ‘Perla dello Stretto’, ceduti a Giuseppe Chirico, che in cambio avrebbe rinunciato alle chance di aggiudicazione di alcuni rami d’azienda dell’ex Gdm S.p.a., revocando le offerte gia’ presentate per l’affitto del magazzino sulla statale 106 sullo Jonio reggino.