Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Politica, Salute

Salute, rinnovati i livelli essenziali di assistenza

Dai vaccini gratis all'eterologa, ecco i nuovi Lea. 110 nuove malattie rare curabili a carico del servizio sanitario nazionale
fonte: ilVelino/AGV NEWS
di Redazione

Con la firma del presidente del Consiglio Paolo Gentiloni è arrivato il via libera ai nuovi Lea, i Livelli essenziali di assistenza, l’elenco aggiornato delle oltre seimila prestazioni mutuabili, in stand bay da ben 15 anni. I nuovi Lea sono “frutto di un lavoro di tre anni e mezzo che prevede 800 milioni di nuove prestazioni sanitarie e terapie a disposizione dei cittadini italiani” ha detto la ministra alla Salute Beatrice Lorenzin. Dal 2001 i Lea “non venivano aggiornati in maniera uniforme – sottolinea Lorenzin – noi abbiamo di fatto completamente riaggiornato l’elenco di queste terapie e prestazioni che prima erano in alcune Regioni totalmente a carico dei cittadini e in alcuni casi, ad esempio per piu’ di 100 malattie rare, non era possibile averle gratuitamente in nessuna parte del territorio nazionale”.

Tra le novità introdotte con i nuovi Lea c’è l’eterologa rimborsata in tutte le Regioni; accertamenti gratuiti per i celiaci, scooter a quattro ruote per i disabili, 110 nuove malattie rare curabili a carico del servizio sanitario nazionale. Tra le malattie croniche sono introdotte sei nuove patologie, ovvero la sindrome di talidomide, l’osteomelite cronica, le patologie renali croniche, il rene policistico autosomico dominante. Passano nei Lea l’endometriosi negli stadi clinici ‘moderato’ e ‘grave’ e la broncopneumopatia cronico ostruttiva negli stadi clinici ‘moderato’, ‘grave’ e ‘molto grave’. Vengono inoltre spostate tra le malattie croniche alcune patologie già esentate come malattie rare, così la celiachia e la sindrome di Down. E poi, ancora: epidurale anche per le donne che partoriscono naturalmente, screening neonatali, vaccinazioni gratuite per varicella, pneumococco, meningococco e papilloma virus. Il nuovo Piano nazionale vaccini arriverà giovedì in Conferenza Stato-Regioni, ultimo passo per l’approvazione definitiva.