Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Campania, Politica

Comuni, costi amministrazione: Napoli e Venezia hanno speso il doppio di Firenze e Bari

Secondo Openbilanci.it nel 2014 per le due città: più di 500 euro per ogni abitante
fonte: ilVelino/AGV NEWS
di Redazione Campania

Ogni ente locale sostiene spese per mantenere uffici che ne garantiscono il funzionamento, dagli organi istituzionali a quelli per il personale, n costo che può variare molto da città a città. Secondo quanto ha rilevato Openbilanci.it, nel 2014 Napoli e Venezia hanno speso per ogni abitante oltre il doppio di Firenze e Bari. Tra i costi che ogni comune deve sostenere – si legge nel testo – ci sono le spese per le strutture che svolgono le funzioni amministrative dell’ente. Le loro attività principali non sono tanto i servizi all’utenza, quanto organizzare e far funzionare l’ente stesso. Tra le spese di amministrazione dunque ci sono i costi degli uffici che si occupano di attività interne, come la segreteria generale, l’ufficio risorse umane, il servizio statistico e l’anagrafe comunale. Anche tutti gli uffici impiegati nella gestione e nella programmazione economico-finanziaria vengono conteggiati all’interno delle spese di amministrazione. Per esempio il servizio di tesoreria e quelli relativi al controllo di gestione, al coordinamento delle entrate tributarie e dei servizi fiscali; alla gestione dei beni demaniali e patrimoniali. Inoltre ci sono gli uffici per gli organi politici, ovvero tutte le spese che il comune sostiene per il funzionamento del consiglio e della giunta comunale, tra cui le indennità e i gettoni di presenza per gli amministratori. Tra le città con più di 200mila abitanti si registra una grande variabilità nel 2014: Napoli, Venezia e Padova – evidenzia ancora Openbilanci.it – spendono più di 500 euro per ogni abitante, mentre a Firenze e Bari la spesa è inferiore ai 300 euro pro capite. Le altre grandi città si collocano tra questi due estremi. Roma e Milano, ovvero i due maggiori comuni italiani, si trovano a metà classifica (ottavo e nono posto), con rispettivamente 397,33 e 373,77 euro pro capite in spese di amministrazione.