Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Economia, Usa

Usa, Trump attacca Toyota: non costruite in Messico o pagherete dazi

Dopo General Motors, il presidente eletto degli Stati Uniti avverte anche la casa automobilistica giapponese, intenzionata realizzare un nuovo stabilimento di produzione per la Corolla a Baja
fonte: ilVelino/AGV NEWS/Sputnik
di Velino International

Due giorni dopo l’attacco a General Motors, il presidente eletto degli Stati Uniti Donald Trump punta il dito (sempre via Twitter) contro Toyota: se andrà avanti con il progetto attuale di costruire un nuovo stabilimento di produzione in Messico dovrà pagare sostanziosi dazi. La Toyota Motor – ha scritto Trump – “ha detto che realizzerà un nuovo stabilimento a Baja, in Messico per costruire le auto Corolla per gli Stati Uniti. Assolutamente no! Costruite la fabbrica negli Usa o pagherete alte tasse doganali”. In seguito al Tweet del presidente eletto, il valore delle azioni della casa giapponese è precipitato di quasi mezzo punto. Durante la campagna elettorale, Trump aveva più volte detto ai suoi sostenitori che avrebbe istituito una tassa del 35 per cento sulle compagnie americane che realizzano all’estero i propri prodotti per poi cercare di reimportarli negli Stati Uniti per poterli vendere.

President-elect Donald Trump said in a Twitter message on Thursday that automobile manufacturer Toyota will pay a substantial border tax unless it changes its current plans to build a new plant in Mexico. “Toyota Motor said will build a new plant in Baja, Mexico, to build Corolla cars for US,” the message stated. “No Way! Build plant in US or pay big border tax.” Since Trump posted the message, Toyota’s stock has dropped nearly half a point. During his campaign, Trump frequently told supporters he would institute a 35 percent tax on US companies who made their products outside the United States and then tried to import them back into the country to sell.