Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Spettacoli

Rai1, al via “Che Dio ci aiuti 4” con Elena Sofia Ricci

Domenica 8 gennaio
fonte: ilVelino/AGV NEWS
di com/onp

Dopo il successo di ascolti delle tre scorse stagioni, torna su Rai1 la fortunata serie “Che Dio ci aiuti”, un originale mix di dramma, commedia e storie sentimentali. Ritroveremo Elena Sofia Ricci nei panni di Suor Angela, la monaca più irriverente della tv, alle prese con nuove avventure e tante novità, prima fra tutte l’arrivo al convitto di Monica, una ragazza che la metterà veramente a dura prova. “Che Dio ci aiuti 4”, una produzione Lux Vide in collaborazione con Rai Fiction, prodotta da Matilde e Luca Bernabei, per la regia di Francesco Vicario. Venti episodi per dieci prime serate in onda su Rai1 da domenica 8 gennaio. Scorretta, bizzarra, fallibile. Sono questi gli aggettivi che meglio descrivono Suor Angela, perché lei non è solo una suora che veglia con sentimento e allegria sul suo convento, ma è prima di tutto una donna piena di difetti e una mamma insostituibile per le ragazze che lo frequentano. Quelle ragazze che abbiamo conosciuto e amato per tre stagioni e che ora, guardandosi allo specchio, si vedono finalmente cresciute. Le difficoltà, le incomprensioni, le infinite prove che hanno incontrato nella vita, hanno permesso loro di diventare grandi. E se alcune sono ormai pronte a lasciare il nido e spiccare il volo, tanti nuovi personaggi sono in arrivo al convento degli Angeli, con le loro emozioni, i loro problemi, la loro storia. E suor Angela? Insieme all’insostituibile suor Costanza (Valeria Fabrizi), la nostra suora continua a portare avanti la sua missione: confortare, consigliare e guardare con amore tutti coloro che incontra sulla sua strada. Chi per chiedere aiuto, chi per scappare, chi solo per ricevere quelle attenzioni mai avute prima. Tutti, nonostante le sfide che affronteranno nel loro percorso, saranno da lei accompagnati per mano nella scelta più difficile della vita, ma in fondo l’unica possibile: compiere il bene.