Did you know we have an international section? Click here to read our news in your english!
X

Accedi

Sputnik

Nagorno-Karabakh, Ministro Difesa: Azerbaigian ha violato 30 volte il cessate il fuoco

Nagorno-Karabakh, Ministro Difesa: Azerbaigian ha violato 30 volte il cessate il fuoco
fonte: ilVelino/AGV NEWS
di Velino International

Le forze azere hanno violato il cessate il fuoco nella regione separatista del Nagorno-Karabakh 30 volte. Lo ha detto il ministero della Difesa dell’auto-proclamata Repubblica del Nagorno Karabakh di (NKR). “All’inizio il 2 gennaio, le forze armate azere hanno violato l’accordo di cessate il fuoco 30 volte lungo la linea di contatto tra Karabakh e le forze azere. Oltre 300 scatti da armi di varia calibro sono stati sparati contro le posizioni armeni in questo periodo di tempo”, ha detto il ministero in una dichiarazione. Le unità del fronte dell’esercito Difesa Nagorno-Karabakh stanno controllando la situazione e continuano a svolgere il loro dovere di combattimento, ha aggiunto il ministero, sottolineando che non è stato risposto col fuoco alle violazioni. La violenza nel Nagorno-Karabakh è scoppiata il 2 aprile Baku e Erevan si sono accusati a vicenda di provocare le ostilità che hanno portato a più morti su ogni lato. Le parti hanno concordato un cessate il fuoco il 5 aprile, ma gli scontri sono continuati. Il conflitto nel Nagorno-Karabakh ha avuto inizio nel 1988, quando la regione autonoma ha cercato di separarsi dalla Repubblica Socialista Sovietica dell’Azerbaijan, prima di proclamare l’indipendenza dopo il crollo dell’Unione Sovietica nel 1991. Le parti in guerra hanno convenuto una cessazione delle ostilità nel 1994.

Azerbaijani forces have violated the ceasefire in the breakaway region of Nagorno-Karabakh 30 times early on Monday, the self-proclaimed Nagorno-Karabakh Republic’s (NKR) Defense Ministry said. “Early on January 2, the Azerbaijani armed forces violated the ceasefire agreement 30 times along the line of contact between Karabakh and Azerbaijani forces. Over 300 shots from weapons of varying caliber were fired at Armenian positions over this period of time,” the ministry said in a statement. Front units of the Nagorno-Karabakh Defense Army are in control of the situation and continue to carry out their combat duty, the ministry added, noting that the violations were not met with response fire. The violence in Nagorno-Karabakh flared up on April 2. Baku and Yerevan accused each other of provoking hostilities that led to multiple deaths on each side. The sides agreed to a ceasefire on April 5, but clashes have continued. The conflict in Nagorno-Karabakh began in 1988, when the autonomous region sought to secede from the Azerbaijan Soviet Socialist Republic, before proclaiming independence after the collapse of the Soviet Union in 1991. The warring sides agreed to a cessation of hostilities in 1994.